Cartagena, la perla dei Caraibi colombiani

Quando si pensa al mar dei Caraibi le prime cose che ci vengono in mente sono l’acqua cristallina, il sole e i pirati che saccheggiavano le città costiere. Quest’ultima parte è ovviamente cambiata, ma ci si può ancora immergere nello spirito dell’epoca visitando Cartagena de Indias in Colombia.

Cartagena fu fondata dagli spagnoli nel 1553 e divenne velocemente uno dei porti più importanti dell’impero. La sua ricchezza attirò le attenzioni di pirati e corsari che attaccarono ripetutamente la città nel corso degli anni. Dopo diversi saccheggi e un’occupazione di un mese da parte di Francis Drake, la città venne fortificata. Delle mura vennero erette sia intorno al centro che sott’acqua, di fronte alla costa. Queste mura resistono ancor oggi e circondano un fantastico centro storico, dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.

La città si chiama Cartagena in onore dell’omonima città in Spagna, visto che la forma della costa circostante nei due casi è simile. Per differenziare le due, il nome completo di quella colombiana è Cartagena de Indias.

Il centro di Cartagena

Entrare nel centro storico è come un invito a perdersi al suo interno. Una volta passata una delle vecchie porte ti sentirai catapultato nell’era coloniale. Le case ricche e colorate con grandi balconi e le strade in selciato sono perfette per delle camminate senza alcuna fretta. Devi solo guardarti un po’ attorno e goderti lo spettacolo. Questa parte è abbastanza piccola per essere visitata completamente a piedi.

Casa Cartagena
Una delle tante bellissime case del centro storico di Cartagena.

Una cosa che forse attirerà la tua attenzione mentre esplori la parte vecchia della città sono i bellissimi portoni in legno. Quasi tutti sono decorati con chiodi in metallo, alcuni ne sono praticamente ricoperti. Questi chiodi, visto il valore del metallo in epoca coloniale, erano un simbolo di ricchezza. Il loro solo scopo era di vantarsi di fronte agli altri ricchi!

Porta Cartagena
Più alto il numero di chiodi sulla porta, più la famiglia era ricca. Gli abitanti di questa casa chiaramente non avevano problemi di soldi.

Assicurati di salire anche sulle vecchie mura. Da là avrai una bella vista sullo skyline del quartiere di Bocagrande, spesso equiparato a Miami dai locali. È anche il miglior posto da dove godersi il tramonto. Puoi scegliere se sederti ad un bar o trovare un posto più privato dove passare un momento d’intimità con qualcun altro. Per esempio, vicino al bastione della Merced, ci sono alcune finestre nelle mura, perfette per due persone. In caso volessi andarci, assicurati di arrivare presto: si riempiono velocemente!

mura Cartagena
Uno dei cannoni che teneva alla larga i pirati, posizionato lungo le mura che circondano la città. All’orizzonte lo skyline di Bocagrande.

Se vuoi conoscere più della città e dei suoi edifici, puoi unirti ad un tour gratuito. Abbiamo usato questo tipo di servizi più volte e crediamo sia uno dei modi migliori di scoprire la città. Ovviamente non è completamente gratuito ma si paga solamente una mancia alla fine. La cosa bella poi è che di solito le guide sono del posto e hanno delle belle storie da raccontare.

Getsemani

Il quartiere di Getsemani si estende subito fuori le mura. Questa è la parte trendy di Cartagena, piena di bar dove poter prendere una birra nelle calde notti colombiane. Le sue strade sono anche ricche di graffiti colorati, un posto perfetto per degli amanti della streetart come noi. Dopo il centro storico, piuttosto caro, a Getsemani è possibile anche mangiare a prezzi convenienti.

Getsemani streetart
Uno dei tanti graffiti pieni di colori nel quartiere Getsemani.

Islas del Rosario

L’arcipelago del Rosario si trova non lontano da Cartagena e ospita uns delle più importanti barriere coralline in Colombia. Puoi decidere se spenderci qualche notte o visitare in giornata la più grande delle sue isole: Isla Grande.

Il viaggio in giornata non lascia molto tempo all’esplorazione ma è ovviamente più economica. Puoi comprare un biglietto andata-ritorno direttamente al porto. Assicurati di chiedere tutti i dettagli prima di pagare: cosa è incluso nel biglietto (per esempio il pranzo) e su quale delle spiagge ti lasceranno. Noi abbiamo scelto la spiaggia sbagliata e non solo ci abbiamo messo più tempo per arrivarci ma siamo stati tra i primi a doversene andare. Da quello che abbiamo visto le spiagge del Cocotera e Playa libre dovrebbero essere le scelte migliori. Cercate di non fare tardi per il ritorno: non sempre i capitani delle barche aspettano tutti.

isla grande
Una delle spiagge da favola di Isla Grande.

Una volta sbarcati, l’unica cosa che dovrai fare è goderti il sole, fare dello snorkeling e nuotare nelle calde acque caraibiche.

Fare delle immersioni a Cartagena

La miglior maniera di osservare i coralli e la vita sottomarina è ovviamente facendo delle immersioni. Che tu sia alla tua prima esperienza o abbia già molte immersioni alle tue spalle, puoi affidarti tranquillamente a Diving Planet Cartagena. Abbiamo passato con loro una mezza giornata, iniziando con due immersioni e finendo con un buon pranzo, il tutto attorno ad Isla Grande, il che rende bellissima anche l’attesa tra due immersioni!

barca isla grande
Cielo azzurro, acqua limpida e calma… Giorno perfetto per un’immersione!

Prima di questa, avevamo fatto delle immersioni solo in Perù e alle Galapagos, ed era perciò la prima volta che ci immergevamo nel mar dei Caraibi. Le condizioni erano radicalmente differenti: l’acqua era estremamente calda, la visibilità incredibile e la corrente praticamente assente. Non abbiamo visto grandi animali, come mante o leoni di mare, ma centinaia di piccoli che si nascondevano e vivevano tra i coralli. Un’altra esperienza fantastica!

immersione coralli
Le nostre abilità come fotografi sottomarini non sono ancora le migliori, ma stiamo migliorando.

Siamo felici di essere andati con Diving Planet visto anche il loro impegno per la salvaguardia dell’ambiente. Sono infatti attivi non solo nella pulizia sottomarina, ma anche nell’aiutare la riproduzione dei coralli, nella conservazione di specie in via d’estinzione, nella caccia di specie invasive e molte altre attività. Cercano inoltre di sensibilizzare le persone sullo sbiancamento dei coralli, che porta col tempo alla loro morte. Durante il viaggio abbiamo visto un bel po’ di coralli sbiancati, la maggior parte a causa dei cambiamenti climatici e delle temperature eccessivamente alte del mare.

Diving Planet è anche uno dei primi centri immersioni in Colombia che ha un programma dedicato all’introduzione della vita sottomarina a persone affette da handicap. Grazie a questo programma persone che, per esempio, hanno perso le gambe o la vista possono provare la sensazione di galleggiare nell’acqua, come se non ci fosse la gravità.

Anche se a Cartagena faceva veramente caldo (è uno dei posti più caldi in cui siamo stati) ci è davvero piaciuto camminare per la città e scoprire la sua storia. È un posto da non perdere quando si visita la Colombia

Per non perderti nessuna delle nostre avventure, iscriviti alla newsletter mensile!

Eje Cafetero: molto più che solo caffè

Mentre preparavamo il nostro viaggio in America Latina, non sapevamo esattamente cosa fare in Colombia. Non avevamo nessuna guida di viaggi da cui prendere spunto come per gli altri paesi ma abbiamo potuto parlare con diversi colombiani conosciuti a Parigi. Tutti ci avevano consigliato di visitare l’Eje Cafetero, la regione del caffè. Visto che Paolo è un grande appassionato di caffè abbiamo deciso di passarci una settimana intera.

continua a leggere

Il salar di Uyuni e il Sur Lipez

Tanto tempo fa i vulcani potevano camminare e parlare, proprio come gli esseri umani. Uno di loro, Tunupa, ebbe un figlio, il padre di cui era ignoto. Tutti gli altri vulcani amavano Tunupa e volevano fare da padre al bambino. Un’enorme guerra scoppiò quindi tra di loro. Al suo culmine il bambino venne rapito. Gli dei si infuriarono e tolsero ai vulcani l’abilità di parlare e muoversi. Ma il latte materno di Tunupa, mischiato alle sue lacrime di dolore per la perdita del figlio, continuarono a scorrere creando quello che oggi conosciamo come salar di Uyuni.

Continua a leggere