Mancora: l’incredibile vita marina del Perù

Quando si pensa al Perù, di solito la prima cosa che viene in mente è Machu Picchu e i panorami mozzafiato delle Ande. Spesso ci dimentichiamo della costa che invece, nel nord del paese , è veramente bella. Inoltre, essendo vicini al confine con l’Ecuador, il clima tende ad essere abbastanza mite.
Dopo aver passato più di un mese sulle Ande cercavamo un po’ di calore e abbiamo così deciso di fermarci a Mancora. La città si trova dove si incontrano due correnti oceaniche: una fredda proveniente dal sud e una calda dal nord. Questo incontro crea le condizioni perfette per una 4icca vita marina.

continua a leggere

Il salar di Uyuni e il Sur Lipez

Tanto tempo fa i vulcani potevano camminare e parlare, proprio come gli esseri umani. Uno di loro, Tunupa, ebbe un figlio, il padre di cui era ignoto. Tutti gli altri vulcani amavano Tunupa e volevano fare da padre al bambino. Un’enorme guerra scoppiò quindi tra di loro. Al suo culmine il bambino venne rapito. Gli dei si infuriarono e tolsero ai vulcani l’abilità di parlare e muoversi. Ma il latte materno di Tunupa, mischiato alle sue lacrime di dolore per la perdita del figlio, continuarono a scorrere creando quello che oggi conosciamo come salar di Uyuni.

Continua a leggere

Choquequirao: l’ultima città inca

Cusco era la capitale dell’impero Inca. Dopo la sua caduta per mano degli spagnoli, l’ultima resistenza si rifugiò sulla catena montuosa di Vilcabamba, stabilendovi una nuova capitale. L’accesso alle montagne era però controllato da un’altra città: Choquequirao, ‘la culla dell’oro’.

Continua a leggere

Il Salkantay trek a Machu Picchu

Centinaia di anni fa gli Inca costruirono un enorme impero, che si estendeva dall’Ecuador al Cile. Una delle ragioni grazie a cui riuscirono a mantenerne il controllo, fino all’invasione spagnola, era un efficiente sistema di comunicazione. Questo si basava su molti messaggeri diversi e un’enorme rete di sentieri che collegava le diverse città.

continua a leggere

La Bolivia in tre città

Dopo Cile e Argentina le nostre avventure sono continuate in Bolivia. Abbiamo passato circa tre settimane nel paese, ma avremmo potuto restare molto di più. La Bolivia offre paesaggi incredibili e alcune camminate e escursioni davvero belle.
Ma in Bolivia ci sono anche alcune belle città. Ecco tre di quelle che ci sono piaciute: Potosi, Sucre e La Paz.

Continua a leggere

Atacama: un deserto come nessun altro

Se pensi al deserto, cos’è la prima cosa che ti viene in mente? Una bellissima ma alquanto monotona distesa di sabbia e dune, no? Questo è almeno quello che direbbe la maggior parte degli europei (noi inclusi), vista la vicinanza con il deserto del Sahara. Ma, credici, c’è almeno un deserto in cui puoi spendere cinque o più giorni vedendo sempre panorami nuovi e sorprendenti: il deserto d’Atacama.

continua a leggere

Isola di Pasqua: camminando tra i moai

Rapa Nui, anche conosciuta come Isola di Pasqua, è il posto più remoto e isolato sulla Terra. Ci puoi arrivare solo prendendo un aereo, non esattamente economico, da Santiago del Cile o dalla Polinesia. Anche il costo della vita sull’isola è elevato visto che la maggior parte dei prodotti devono essere importati in aereo o nave. Per tutte queste ragioni un viaggio all’Isola di Pasqua dall’Europa risulta essere decisamente caro.

continua a leggere

5+1 camminate nel Parque Nacional del los Glaciares

Il parque nacional de los glaciares è un parco nazionale argentino che copre più di 7000 km² della Patagonia meridionale. Come il nome suggerisce è casa di diversi ghiacciai, il più grande dei quali è il Viedma, con una superficie di 977 km², 9 volte la superficie di Parigi. Le città più conosciute dell’area sono El Calafate e El Chalten. La prima è famosa per essere la più vicina al Perito Moreno, un ghiacciaio impressionante e facilmente accessibile in auto. La seconda è invece la capitale nazionale del trekking.

Continua a leggere

Puerto Madryn: un paradiso per gli amanti degli animali

Hai mai sentito parlare della penisola Valdés? Non è solo una penisola in Argentina ma anche un parco naturale, famoso per la sua fauna. In alta stagione puoi vedere un sacco di animali tra cui pinguini, leoni marini, elefanti di mare, orche e molti altri. Ma i più impressionanti, e ironici, sono le balene. Siamo arrivati nel parco in bassa stagione, quando ci sono meno animali, ma, balene a parte, ne abbiamo visti molti!

continua a leggere