8 cose da fare a Buenos Aires

Prima di avventurarci al sud per esplorare la Patagonia, abbiamo speso alcuni giorni nella capitale dell’Argentina: Buenos Aires. È una città piena di vita e di cose da fare. È anche di gran lunga la più grande città del paese: anche se copre solo l’1% della superficie totale, ci vive un terzo della popolazione. Nonostante la nostra permanenza sia stata abbastanza corta, ecco le migliori cose da fare secondo noi:

Visitare il Caminito and San Telmo

Caminito Boca
Alcune delle case colorate del Caminito, nella Boca.

Una parte del quartiere della Boca, chiamata il Caminito, è famosa per i colori accesi delle sue case. Anche se pieno di turisti, e negozi chiaramente dedicati solo a loro, è ancora bello farci una camminata. Ci puoi trovare anche molti artisti che vendono i loro dipinti o le loro creazioni artigianali.

Il Caminito non è stato sempre così colorato. Negli anni ’30 un artista, Quinquela Martin, ha convinto alcuni dei suoi vicini a pitturare le mura della scuola. Essendo un quartiere povero, ognuno portò la vernice che possedeva e i colori erano perciò diversi uno dall’altro. Il risultato piacque talmente tanto che decisero di colorare nella stessa maniera anche le loro case, così come le vediamo oggi.

Se passi per di là, cerca di non allontanarti troppo dal Caminito, visto che il resto della Boca non è sicurissimo, specialmente di notte. Ma non ti preoccupare, il Caminito è abbastanza sicuro vista anche la presenza della polizia.

Per gli appasionati di calcio, non lontano dal Caminito potete trovare lo stadio del Boca Junior, “la Bombonera”.

Camminando un po’ di più potete arrivare al quartiere di San Telmo. È famoso per le piazze piene di ballerini di tango e il suo mercato coperto: el mercado de San Telmo. Ci puoi trovare non solo cibo ma anche oggetti di seconda mano in una struttura d’epoca.

Se ami i fumetti di Mafalda, in San Telmo puoi anche trovare una strada completamente dedicata a loro. Con tanto di statue!

Camminare per la Recoleta

Centro cultural recoleta
Il centro cultural de la Recoleta mentre ospita l’esibizione “Viral Mural”.

Nel quartiere della Recoleta si trova un famoso cimitero. Alcuni lo accostano al cimitero di Père Lachaise a Parigi. In verità è più piccolo e ci sono meno spazi verdi, ma le tombe e i mausolei di famiglia sono comunque grandi e impressionanti. Tra essi è possibile trovare anche la tomba di Eva Peron, conosciuta anche come Evita, moglie di Peron, controverso presidente argentino. Evita era molto amata per il suo aiuto ai più poveri, diventandone un simbolo in tutto il paese. Molta gente viene ancora a lasciare fiori sulla sua tomba.

Dopo la visita al cimitero abbiamo vagato senza una meta precisa, raggiungendo un prato davanti al centro cutural de la Recoleta. Al suo interno c’era una mostra temporanea chiamata “Viral Mural”. Tutti le mura erano ricoperte da diversi disegni e graffiti… Anche all’esterno! Per noi, amanti dell’arte di strada, è stata una bella sorpresa!

Le persone che ci ospitavano ci hanno detto che il centro cultural ospita molte mostre interessanti quindi non esitare a controllare.

Tango

Tango Buenos Aires
In Buenos Aires puoi ballare il tango o guardare altri ballarlo o cantarlo… a te la scelta!

Ballato o cantato, ci sono molti modi per godersi il tango a Buenos Aires. In molti posti puoi guardare le persone ballare in strada, come in plaza Dorrego in San Telmo.

Caroline, amante del ballo, voleva assolutamente partecipare a una classe di tango. Un amico ci ha invitato a unirci a lui per una lezione per principianti a Villa Malcom. Per solo 200 pesos puoi seguire una classe di un’ora. Gli insegnanti sono bravissimi ma chiaramente un’ora non è abbastanza… tra l’altro parlano anche un’inglese molto buono!

Dopo la classe siamo rimasti a guardare la milonga. Le milonga sono eventi, molto popolari in Argentina, duranti i quali le persone possono ballare il tango. È stato un piacere per gli occhi vedere i passi e la precisione dei ballerini più esperti.

Più tardi il nostro amico ci ha portato ad un piccolo bar chiamato “El Boliche de Roberto”, dove alcuni ragazzi stavano cantando il tango. È un aspetto del tango molto meno conosciuto: nessun ballerino, solo un uomo cantando una canzone malinconica con una voce dai toni bassi. Una chitarra o una fisarmonica fornivano l’unico accompagnamento.

Anche se non ti piace il tango, in Buenos Aires puoi trovare un sacco di bar con musica dal vivo di molti generi diversi. Ce n’è per tutti i gusti!

Comprare un libro all’Ateneo Grand Splendid

Ateneo grand splendid libreria
L’Ateneo Grand Splendid, un teatro trasformto in libreria.

A Buenos Aires c’è la libreria più bella che abbiamo mai visto: l’Ateneo Gran Splendid. È stata costruita all’interno di un antico teatro. Al posto delle poltrone troverai scaffali pieni di libri, e al posto del palcoscenico una piccola cafeteria. Ci sono ancora il sipario e il bellissimo affresco sul soffitto che aiutano a mantenere l’atmosfera del teatro. Ogni appassionato di libri dovrebbe farci una visita.

Viaggiare nell’arte al MALBA e al giardino giapponese

jardin japones Buenos Aires
Il Jardin Japones, giardino giapponese

Il MALBA è il primo museo dedicato solamente all’arte latino americana. Ci puoi trovare opere di diversi periodi storici da ogni parte di questa regione. È un buon modo di viaggiare attraverso la storia contemporanea del continente. L’entrata costa 170 A$ e la visita dura all’incirca due ore. L’esibizione permanente è divisa in differenti sezioni a seconda del periodo storico e dello stile. Tutte le informazioni sono anche tradotte in inglese.

A cinque minuti dal museo puoi trovare il Jardin Japones. È una buona ricostruzione di un giardino giapponese la cui entrata costa 150 A$. Per un momento ci è sembrato di essere stati trasportati nel paese del Sol levante. Siamo arrivati all’edificio alla fine del sentiero giusto in tempo per vedere una dimostrazione di come indossare un vestito da sposa tradizionale, composto da molti strati differenti. Il tutto sembrava tremendamente complicato…

Non lontano puoi anche trovare la Floralis Generica (foto in alto), una scultura di un fiore che si apre ogni mattina.

Parrillada

Parrillada carne Buenos Aires
Una parrillada con un buon Malbec, esattamente come andrebbe gustata.

Per gli amanti della carne l’Argentina è il paradiso: non solo è di ottima qualità ma anche decisamente economica. A Buenos Aires ti consigliamo caldamente di provare una parrillada, il modo perfetto per avere un bel piatto di succulenta carne alla brace. Le parrillada si trovano ovunque in città. I porteños (abitanti di Buenos Aires) che conosciamo non ne consigliano una in particolare. Ci hanno solo detto di cercare la più sporca, di solito significa che ha anche la carne più saporita. Deliziosa!

Visitare la plaza de Mayo e la Casa Rosada

Casa rosada in plaza de mayo Buenos Aires
La casa rosada in plaza de Mayo

In centro città non puoi perderti la famosa plaza de Mayo. Tutti i giorni dell’anno puoi vedere “las madres de la plaza de mayo”. Sono madri i cui figli sono stati rapiti durante la dittatura e vengono qui per protestare e chiedere giustizia.

Su uno dei lati della plaza de Mayo si trova il palazzo del governatore, conosciuto anche come Casa Rosada a causa del suo colore. Il palazzo era stato pitturato prima di rosso e poi d’azzurro, per far piacere a diversi partiti politici. Il risultato è il colore rosa rimasto tutt’oggi.

Andare in giornata a Colonia del Sacramento, Uruguay

Colonia del Sacramento Uruguay
Una delle incantevoli strade dell’antico centro di Colonia del Sacramento, Uruguay.

Ad un’ora di ferry da Buenos Aires si trova un paese coloniale ancora ancorato nel passato. Non scherziamo, abbiamo visto addiritura alcune persone in vestiti d’epoca…

Più seriamente, Colonia del Sacramento ha un centro storico molto ben conservato e alcuni musei per avere più informazioni sulla città stessa. In una giornata di sole puoi camminare sulle spiagge lungo l’estuario del Rio de la Plata, anche se sconsigliamo di farcisi un bagno. Ci sono anche molte macchine d’epoca disseminate per le vie cittadine.

Inoltre, la nostra gita è stata l’occasione per prelevare un po’ di dollari statunitensi con commissioni molto basse a confronto di quelle delle banche argentine. Una volta in Argentina è semplice cambiare i dollari in pesos, o pagare direttamente con quelli.

Per andare a Colonia hai la scelta tra due compagnie di ferry: Buquebus e Colonia Express. Anche se il primo è abitualmente più caro, ti raccomandiamo di andare a chiedere direttamente alla biglietteria. Noi siamo riusciti a pagare i bigletti un terzo del prezzo indicato online grazie a delle promozioni.

Buenos Aires è una città con tanto da offrire, molto di più di quanto scritto qua. Ci siamo rimasti solo alcuni giorni e sappiamo di doverci tornare. Ma grazie alle gentilissime persone che abbiamo incontrato abbiamo passato delle giornate stupende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.